Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Progetti per Pompei e per la Reggia di Carditello con l'utilizzo di nuove tecnologie per gestire big data misurati sulle risorse del territorio. Si è svolto il 16 giugno il XIV Forum Internazionale di Studi ‘Le Vie dei Mercanti’ dal titolo WORLD HERITAGE AND DEGRADATION: Smart Design, Planning and Technologies (www.leviedeimercanti.it), organizzato da Carmine Gambardella, Titolare della Cattedra UNESCO su Landscape, Cultural Heritage and Territorial Governance.

Carmine Gambardella è General Chair del Forum dalla sua prima edizione del 2003, Presidente del Benecon, Centro di Ricerca della Campania sui Beni Culturali, Ecologia ed Economia consorzio di quattro Atenei regionali (Università di Napoli, Seconda Università di Napoli SUN, Università del Sannio, Università di Salerno) partner istituzionale del Forum UNESCO University and Heritage (Memorandum of Understanding siglato nel 2009 con il WHC UNESCO).

Il Forum ha ricevuto per l’evento i patrocini da: Forum Unesco, Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco, US-Italy Fulbright Commission, Università Telematica Pegaso, Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale della SUN e SMA Campania.

Anche quest’anno l'appuntamento scientifico annuale ha avuto uno straordinario successo. Il Comitato Scientifico Internazionale ha ricevuto 300 abstracts interdisciplinari elaborati da 550 autori provenienti da 30 Paesi: Albania, Benin, Belgium, Bosnia and Herzegovina, California, Chile, China, Cipro, Cuba, Egypt, France, Germany, Italy, Japan, Jordan, Kosovo, Malta, Massachusetts, Michigan, New Jersey, New York, New Zealand, Poland, Portugal, Russia, Slovakia, Spain, Tunisia, Texas, Turkey.

La Commissione scientifica internazionale attraverso il procedimento del double blind peer review ha selezionato 200 papers, pubblicati negli Atti del Forum e proposti per l’indicizzazione Isi Web of Science (WoS). Gli atti del X, XI e XII Forum sono già indicizzati Isi Web of Science.

I 200 saggi selezionati arricchiscono i saggi pubblicati nelle tredici edizioni precedenti e implementano l'archivio e il database formatosi in evoluzione costante destinato ai ricercatori che affrontano in modo interdisciplinare i temi e le buone pratiche per la salvaguardia e la tutela del Paesaggio, dei Beni Culturali e del Governo del Territorio.

Questa edizione è stata particolarmente significativa in quanto l'attenzione dei Ricercatori è stata orientata ad affrontare il rapporto tra Patrimonio mondiale (World Heritage) e Scenari Urbani e Territoriali Degradati (Degradation). Al di là delle esperienze internazionali condotte da i ricercatori selezionati, Alcuni esempi paradigmatici in Campania sono l'area F3 del Piano Territoriale Regione Campania che include 8 Comuni con Pompei volano di sviluppo e il territorio (la Via Appia) di influenza della Reggia di Carditello.
In particolare, è stato posto in evidenza l'utilizzo di nuove tecnologie per gestire big data misurati sulle risorse del territorio, imprescindibili per la Progettazione e il Governo del Territorio.

Numerosissimi gli apporti istituzionali e internazionali. Solo per citarne alcuni: Giuseppe Paolisso, Magnifico Rettore SUN; Gianfranco Nicoletti, Prorettore SUN; Luigi Maffei, Direttore del Dipartimento di Architettura; Filippo De Rossi, Presidente dei Rettori delle Università Campane; Danilo Iervolino, Presidente Università Pegaso; Francesco Fimmanò, Ordinario Unimolise e Direttore Scientifico Unipegaso; Luigi Riello Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Napoli, Aldo De Chiara, Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Salerno; Michael Sciascia, Presidente della Corte dei Conti del Molise; Nunzio Fragliasso, Procuratore Aggiunto della Repubblica presso il Tribunale di Napoli (coordinatore per i reati ambientali); Maurizio Santise, Magistrato de TAR di Salerno; Raffaele Scognamiglio, Amministratore SMA Campania; Mosè Ricci, Professore dell’Università degli Studi di Trento; Anna Ottani Cavina, scrittrice e Professore alla Johns Hopkins University; Agostino Sibillo, Presidente e CEO Spychatter Inc “Nuovo modello economico di internet”; e Michael Kloos, Architect and Urban Planner, UNESCO Chair in World Cultural and Urban Landscapes, Institute for Urban Design and Regional Planning Faculty of Architecture, Aachen University in Germany.

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Polimeri, ceramici, vetri, metalli, cementi, naturali e derivati, materiali a base di carbonio, processi produttivi, per un totale di ottantacinque campioni fisici. Nasce al Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale della Sun la prima Materials Library in Campania, la biblioteca di materiali e processi produttivi innovativi e sostenibili pensata per la progettazione innovativa in Architettura, Ingegneria, Design e Moda.

La materioteca, realizzata in collaborazione con Material ConneXion Italia, ed inaugurata di recente, nasce grazie ad una convenzione stipulata tra l’Ateneo e MCI su iniziativa della responsabile della Biblioteca del Dipartimento, è articolata come luogo di consultazione della Library di Material ConneXion, attraverso l’esposizione di 85 campioni fisici e la presenza di terminali di consultazione del database. Il nuovo servizio offerto dalla Sun a studenti e docenti consente loro di connettersi gratuitamente al database di MCX accedendo anche all’archivio digitale e di essere supportati da MCI nella creazione di contatti con i produttori di materiali e nella ricerca di soluzioni materiche per i loro progetti.
Il progetto di allestimento della materioteca è stato elaborato e realizzato dagli studenti Doriana Cacace, Francesca De Liso, Cinzia Antonia Isoletti, Andrea Ruggiero, Antonio Verde e Domenico Cammarota.

Material ConneXion è il più importante network internazionale di ricerca e consulenza sui materiali innovativi e sostenibili, fondato nel 1997 da George Beylerian a New York, con la prima library di materiali fisici, ed oggi presente con sedi anche in Europa e in Asia. La sua Materials Library, che in Italia ha sede a Milano, è il più rilevante archivio di materiali e processi produttivi innovativi e sostenibili al mondo. L’archivio, sia fisico che online, conta più di 7.000 materiali e processi produttivi ed ogni mese si arricchisce di 40 nuovi materiali e tecnologie selezionati da una giuria internazionale e interdisciplinare di esperti.

 

Guarda il video

Pagina 3 di 3

CHI SIAMO  |   PRIVACY  |  UNICAMPANIA.IT