Invecchiamento, identificato un nuovo meccanismo che lo causa

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Si aprono nuovi scenari per allungare la vita.

Sono le alterazioni della struttura dei telomeri (cappucci protettivi localizzati all’estremità dei cromosomi) una delle cause dell’invecchiamento. Il “Journal of Gerontology, Series A: Biological Sciences and Medical Sciences”, rivista ufficiale della Gerontological Society of America (GSA) ha appena pubblicato i risultati di una ricerca dal titolo “Telomeres Increasingly Develop Aberrant Structures in Aging Humans”, condotta dalla sezione di Gerontologia e Geriatria, Dipartimento di Medicina dell’Università degli Studi di Perugia-Struttura Complessa di Geriatria dell’Ospedale S.M. della Misericordia di Perugia, diretta da Patrizia Mecocci, in collaborazione con la Geriatria della Università Vanvitelli diretta da Giuseppe Paolisso e con il Cancer Center della Università di Medicina e Chirurgia del New Jersey (UMDNJ) diretto da Utz Herbig.

Virginia Boccardi, ricercatrice dell’Azienda ospedaliera di Perugia, per la prima volta al mondo nell’uomo, ha analizzato le strutture telomeriche delle cellule bianche del sangue periferico ottenuto da soggetti sani di età compresa tra i 23 ed i 101 anni, dimostrando che i telomeri, (cappucci protettivi localizzati all’estremità dei cromosomi) vanno incontro con il passar degli anni ad alterazioni della propria struttura piuttosto che alla sola riduzione della loro lunghezza. Questo è stato possibile grazie alla messa a punto di un metodo innovativo che ha permesso di valutare e quantificare la presenza di tali alterazioni strutturali su un semplice prelievo di sangue venoso.

È, infatti, noto da tempo che con l'avanzare dell’età i telomeri, l’estremità terminale dei cromosomi, si riducono progressivamente in lunghezza. Tuttavia, i dati in letteratura relativi alla lunghezza telomerica come marker di invecchiamento sono contraddittori ed inconsistenti, tanto che molti studiosi mettono in dubbio il loro reale ruolo come marker di invecchiamento.

Sta diventando però sempre più evidente, da studi cellulari in organismi inferiori o su cellule in vitro, che la senescenza può essere associata anche a difetti strutturali dei telomeri. Questi difetti, più che il semplice dato della lunghezza, contribuiscono al processo di invecchiamento e possono rappresentare un più nuovo e solido marker di età biologica.

Se tali anomalie si associano ad una più alta prevalenza di malattie croniche età relate, così come l’individuazione di “modulatori” delle stesse, rappresentano nuovi obiettivi di ricerca, volti all’allungamento della vita in salute.

 

CHI SIAMO  |   PRIVACY  |  UNICAMPANIA.IT