Scioglimento dell'Antartide, ecco i risultati di uno studio

Approfondimento a cura di Mauro Rubino, docente alla Vanvitelli

Lo scioglimento dell'Antartide in passato ha causato un innalzamento del livello dei mari di più di 3 metri - e potrebbe capitare di nuovo

Le alte temperature dell'ultimo periodo interglaciale, più di 100000 anni fa, causarono lo scioglimento dei ghiacciai in Antartide e, di conseguenza, un estremo innalzamento del livello del mare, secondo uno studio condotto da un gruppo internazionale di scienziati, guidati dai ricercatori dell'Università del Nuovo Galles del Sud, a Sydney. Gli scienziati dicono che attualmente la terra sta andando nella stessa direzione di nuovo.

L'ultimo periodo interglaciale (circa 129000 - 116000 anni fa) fu caratterizzato da uno scioglimento di massa della penisola della parte ovest dell'Antartide, che ebbe come conseguenza un innalzamento notevole del livello del mare, secondo uno studio pubblicato oggi sulla rivista scientifica Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS) e condotto da un team di ricercatori internazionali guidato da Chris Turney, professore presso l'Università del Nuovo Galles del sud.

L'estrema perdita di ghiaccio causò un innalzamento di molti metri dei livelli dei mari - e bastarono meno di 2 °C di riscaldamento dell'oceano per far avvenire il processo.

"Non solo la penisola antartica perse moltissimo ghiaccio, ma l'evento occorse all'inizio del periodo interglaciale" spiega Chris Turney, professore in Scienza della terra e del clima presso l'Università del Nuovo Galles del sud, a Sydney, e prima firma dello studio.

Strati di cenere vulcanica recuperati negli strati di ghiaccio in Antartide hanno permesso agli scienziati di definire il periodo in cui lo scioglimento prese piede. I risultati sono alquanto allarmanti perché indicano che la maggiorparte dello scioglimento occorse durante i primi millenni del periodo interglaciale, il che suggerisce una sensibilità elevata alle alte temperature dei ghiacciai della penisola antartica.

"Lo scioglimento potrebbe essere iniziato ben prima che la temperatura dell'oceano aumentasse di 2 °C - e questo ha grosse implicazioni per il futuro, considerato l'aumento della temperatura dell'oceano e lo scioglimento della penisola antartica che stanno accadendo al giorno d'oggi" commenta il professore Turney.

Probabilmente durante l'ultimo periodo interglaciale, le temperature dell'oceano ai poli erano meno di 2 °C più calde di oggi, il che rende quel periodo geologico molto utile per studiare il modo in cui l'aumento futuro della temperatura globale potrebbe influenzare lo scioglimento dei ghiacciai e l'innalzamento del livello dei mari.

"Questo studio mostra che potremmo perdere la maggioranza del ghiaccio della penisola antartica se ci sarà un riscaldamento di 2 °C" dice Turney.

I risultati della studio sottolineano, ancora una volta, la necessità urgente di praticare azioni di mitigazione del riscaldamento globale e di adattamento alle sue conseguenze future.

CHI SIAMO  |   PRIVACY  |  UNICAMPANIA.IT