Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Un sensore sottocutaneo per il monitoraggio continuo della glicemia. Si chiama “Eversense” , uno strumento innovativo per la cura e la gestione del diabete, impiantato questa mattina a due giovani diabetici presso l’ambulatorio dedicato alle Tecnologie per la Gestione e Cura del Diabete dell’Azienda Ospedaliera Universitaria dell’ Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli” dai dottori Michela Petrizzo e Maurizio Gicchino, con la collaborazione dell’intero team diabetologico,  coordinati da  Katherine Esposito.
“Il monitoraggio in continuo della glicemia (CGM) – spiega Katherine Esposito - descrive in maniera dinamica il comportamento delle glicemie tramite un sensore sottocutaneo, da sostituire ogni 7 giorni, che rileva in continuo i valori di glucosio. Questo sistema migliora il controllo glicemico grazie alla possibilità di fornire letture di glucosio in tempo reale e informazioni sulla tendenza del glucosio. Anche le ipoglicemie inavvertite dai pazienti vengono prontamente segnalate, permettendone la correzione estemporanea.”
Per la prima volta in Campania è stato utilizzato Eversense, uno strumento innovativo per il monitoraggio in continuo della glicemia distribuito da Roche-Diabetes Care Italy.
 “Oggi, con il sistema Eversense – spiega ancora la Esposito - si offre ai pazienti la possibilità di usufruire di un CGM per 90 giorni consecutivi senza dover sostituire il sensore, con l’ulteriore vantaggio di visualizzare tutti i dati direttamente su una maneggevole APP scaricabile sullo smartphone, e di ricevere allarmi per il rilevamento e la previsione di episodi di ipoglicemia e di iperglicemia. Questo sistema rappresenta un’innovazione  terapeutica importante per la cura del diabete, con significativi risvolti sulla qualità di vita delle persone con diabete che ne sono candidati all’utilizzo”.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Visite ai laboratori del Circe. Open day il giorno 13 ottobre dalle 9:00 alle 14:00 per le scuole e dalle 14:00 alle 18:00, nel corso dell'evento, patrocinato dal comune di San Nicola La Strada, "Magia, prestigio e fisica dilettevole: una visita a Circe", in cui saranno aperti al pubblico numerosi laboratori:

TAL- Tandem Accelerator Laboratory: un viaggio lungo un Acceleratore di particelle da 3 milioni di volt.
ICMPS-IRMS: laboratorio di spettrometria di massa per isotopi stabili, le sofisticazioni alimentari.
Laboratorio di Radioattività: misure di Radon e di Radioattività ambientale in campioni solidi, liquidi e in aria, valutazione dei rischi e prevenzione
Spettroscopia laser: una tecnologia per determinare con estrema precisione grandezze e parametri che caratterizzano lo spettro di atomi e molecole
Km3-NeT un gigantesco rivelatore (1 km3) posizionato in mare a 3500 m di profondità in collaborazione con l'INFN.

I visitatori nel corso della giornata potranno assistere a spettacoli di magia a cura di Lam e avranno la possibilità di osservare il sole mediante i telescopi ottici messi a disposizione dell’Unione Maddalonese Amici del Cielo (UMAC).

Il CIRCE (Center for Isotopic Research on Cultural and Environmental heritage) fu fondato nel 2005 con l'obiettivo di promuovere il trasferimento tecnologico nel campo dei beni culturali e ambientali. Da allora si è sviluppato ampliando le proprie attività alla ricerca di base, applicata e industriale. Studenti e ricercatori da 13 paesi europei ed extraeuropei si sono formati e hanno lavorato al CIRCE.
Sarà presente una postazione del CUS (Centro Universitario Sportivo) che illustrerà le attività sportive e i traguardi raggiunti negli ultimi CNU dall’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli.

Laboratorio CIRCE sito in Viale Carlo III 153 - San Nicola la Strada - all’interno dell’area EX-Ciapi.

Prenotazioni

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Si chiama Naples prognostic score, un nuovo sistema di valutazione dei tumori colo-rettali che potrà facilitare cure mirate e maggiormente efficaci. Verrà pubblicato sulla prestigiosa Rivista statunitense Diseases of the Colon & Rectum, periodico scientifico leader nel campo delle neoplasie colo-rettali, uno studio eseguito dai ricercatori della Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi della Campania ‘Luigi Vanvitelli’, coordinato da Gennaro Galizia ed Eva Lieto, che ha portato all’ideazione di questo sistema. La ricerca, effettuata su 562 pazienti sottoposti ad intervento chirurgico per neoplasia colorettale presso l’Azienda Universitaria Policlinico Vanvitelli, ha consentito di definire un nuovo score prognostico che i ricercatori napoletani hanno chiamato Naples prognostic score, in onore della città nella quale vivono e lavorano.

Il cancro colo-rettale rappresenta il terzo più comune tumore nel mondo, con circa 1,4 milioni di nuovi casi all’anno, e, con una frequenza complessiva del 14%, rappresenta la neoplasia più comune negli italiani, con 546.000 nuovi casi nel 2013 (1 caso ogni 1096 abitanti), e con 20.000 decessi all’anno. Dopo il tumore del polmone, il cancro colo-rettale è la seconda causa di morte in Italia per tumore maligno.
Sempre maggiori prove vengono accumulate che molti tumori, compresi quelli colorettali, dipendono non solo dalle caratteristiche delle cellule tumorali, che attualmente sono le uniche considerate nel sistema di staging cosiddetto TNM, ma anche dalle condizioni del malato. In particolare, alterazioni delle condizioni nutrizionali e disordini immunitari, con l’attivazione di un complesso quadro di infiammazione sistemica, sembrano giocare un ruolo cruciale nella oncogenesi, crescita e diffusione a distanza delle cellule tumorali.


“Lo stato immuno-nutrizionale del paziente – spiega il professore Galizia - può essere valutato con l’ausilio di numerosi markers biologici, le cui caratteristiche devono essere la facile ed economica analizzabilità, la larga diffusione, l’affidabilità, e la significativa correlazione con la progressione della malattia neoplastica. Negli ultimi anni alcuni di questi markers sono stati combinati in sistemi prognostici a punti (prognostic scoring systems) nella speranza di poter ottimizzare la stadiazione di molti tumori. I sistemi in uso come il Glasgow score, l’indice nutrizionale prognostico (PNI), il punteggio dello stato nutrizionale (CONUT) e, recentemente, l’indice di infiammazione sistemica (SIS), sono stati proposti ed analizzati con risultati non completamente soddisfacenti e limitata diffusione internazionale”.


In questo panorama, i ricercatori napoletani hanno ipotizzato un sistema di valutazione che, utilizzando markers biologici di facile accessibilità, ha portato alla definizione di un nuovo scoring system con notevoli capacità di previsione di cura della patologia che rappresenta uno strumento importante per individuare i pazienti ad alto rischio di recidiva tumorale postoperatoria che possono giovarsi di trattamenti multimodali personalizzati.

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Cosa si nasconde sul fondo del mare? Sai che con una cioccolata è possibile calcolare la velocità della luce? Siamo immersi nelle radiazioni, come possiamo difenderci?
Tanti i quesiti scientifici appassionanti che saranno proposti (e risolti) dai ricercatori dell’Università Vanvitelli nella Notte dei Ricercatori, l'evento organizzato da Frascati Scienza che porta la scienza e ricercatori tra i cittadini, i giovani e gli studenti.

L’evento si svolgerà nelle giornate di venerdì 28 (18:00 - 23:00) e sabato 29 (9:00 - 14:00) settembre 2018 presso il Centro Residenziale e Studi della Scuola Nazionale dell’Amministrazione (corso Trieste, 2) e presso il Planetario di Caserta (Piazza Giuseppe Ungaretti).
Valutare le diverse applicazioni della spettroscopia come strumento di conoscenza del mondo fisico, questo l'obiettivo dei percorsi organizzati dalla Vanvitelli in "Spettri a Corte", che saranno illustrati nel corso di visite guidate presso la SNA .

L'evento è organizzato dal Dipartimento di Matematica e Fisica dell’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli in collaborazione con una fitta rete territoriale per coordinare le attività di diffusione della cultura scientifica in occasione della 13a edizione della Notte Europea dei Ricercatori che si terrà il prossimo 28 settembre 2018. Questa rete, coordinata dall’INAF-Osservatorio Astronomico di Capodimonte, ha contribuito alla definizione del progetto SHARPER per il biennio 2018-2019.

E' possibile prenotarsi alle visite guidate a partire dal 20 al 27 settembre.
Tutte le info sulla notte europea dei ricercatori

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Continua la campagna di sensibilizzazione per la raccolta differenziata dei rifiuti prodotti presso il Polo Scientifico dell'Università Vanvitelli (SUN SI DIFFERENZIA). Dopo il video contest dell'anno scorso, quest'anno è stato organizzato una gara di "Riciclo Creativo": i partecipanti sono stati invitati a presentare composizioni fatte a partire da materiale riciclato. La premiazione è avvenuta mercoledì 14 giugno nell'Aula Magna del Polo in occasione di una giornata di seminari e dibattiti con lo scopo di sviluppare un sistema virtuoso di gesitone dei rifiuti presso il Polo.

Hanno partecipato all'incontro diversi rappresentanti di imprese private ed enti pubblici campani, tra cui Carlo Di Domenico, responsabile della Microambiente s.r.l., che ha parlato di metodologie di gestione dei rifiuti, Valerio Ladalardo, responsabile servizio ambiente presso il comune di Baronissi fino al 2016, che ha raccontato la propria esperienza per incentivare la raccolta differenziata, Rosa Di Iesu, della Cutino Sistemi di Pesatura S.r.l., che ha donato al Polo una bilancia per effettuare la pesatura dei rifiuti prodotti divisi per tipologia; Sirio Vallarelli, direttore della ECOCAR ambiente, la ditta che si occupa del conferimento dei rifiuti per il Comune di Caserta, e che ha raccontato la sua esperienza e ha mostrato i dati per la città di Caserta.

Flyer riciclo finale

Parte ora una nuova fase del progetto che vedrà impegnati gli studenti tirocinanti del Dipatimento DISTABIF nella quantificazione dei rifiuti prodotti e la re-distribuzione dei bidoni per la raccolta differenziata. L'obiettivo è quello di aumentare la percentuale di materiale inviato al recupero e minimizzare quello che va in discarica o destinato all'incenerimento.

Maggiori informazioni su FB

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

L’Associazione Italiana del Libro ha bandito l'edizione 2018 del Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica - Giancarlo Dosi aperta ad autori italiani o stranieri, ricercatori, docenti di ogni ordine e grado, giornalisti e studiosi. Il premio è suddiviso in tre sezioni, Libri, Articoli e da questa edizione, Video di divulgazione scientifica, e nelle seguenti 5 aree:
- Scienze matematiche, fisiche e naturali,
- Scienze della vita e della salute,
- Ingegneria e Architettura,
- Scienze dell’uomo, storiche e letterarie,
- Scienze giuridiche, economiche e sociali.

L'ultima edizione è stata vinta da Antonio Cerasa, con il libro Expert Brain. La cerimonia finale, svoltasi nell'aula convegni del CNR, presentata da Paolo Di Giannantonio e presieduta da Giorgio De Rita, ha visto fra gli altri la partecipazione di Samantha Cristoforetti, astronauta ESA e Giorgio Alleva, presidente dell'ISTAT.
Bando di concorso

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Venticinque gruppi di studenti, lo Start Up Lab ed una piattaforma informatica. Così si fa impresa al Dipartimento di Economia dell’Università Vanvitelli, creando percorsi di formazione esperenziale a cavallo tra più corsi di studio: Relazione Imprese-Mercati, Imprenditorialità e Strategie di Sviluppo, Performance Management, Economia e Gestione dell’Innovazione. Ideatori del progetto i docenti Mazzoni, Dell’Anno, Cuccurullo e Castaldi.

Le idee sono svariate e i settori di riferimento sono molti, Mobile apps, Turismo, Materiali Innovativi, Fashion&Design, B2B Services & Platform, Agrifood, ma in particolare, di questi gruppi, ben 15 si sono dedicati all’iniziativa di Unicredit denominata Start Lab per un totale di circa 150 studenti. “Questo è un dato molto significativo - spiegano i docenti - in quanto manifesta un grande interesse dei nostri studenti a mettersi in gioco condividendo il sogno di creare un’impresa. I progetti sono ora al vaglio della Commissione nazionale di Unicredit che dovrà scegliere i vincitori. I pitch di tutti i business plan verranno presentati nella giornata conclusiva dell’Experimental Lab ad una giuria composta da funzionari Unicredit, esperti, operatori e docenti universitari, il 1 giugno a Capua, presso il Dipartimento di Economia.

Ai primi 3 gruppi classificati sarà data l’opportunità di essere seguiti per 3 mesi dagli esperti dello Start Up Lab del nostro Ateneo, per trasformare la loro idea in impresa.

“La strada intrapresa per realizzare la cosiddetta “Terza Missione” delle Università, da oltre un decennio un interesse comune studenti-docenti all’Università Vanvitelli, è solo all'inizio – concludono i docenti – ma siamo certi che gli sforzi compiuti all’unisono per diffondere il seme dell’imprenditorialità daranno i propri frutti”.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Due giornate all'insegna della ricerca scientifica e della condivisione. Più di 1000 i partecipanti all'evento Spettri a Corte organizzato dal Dipartimento di Matematica e Fisica di Ateneo in collaborazione con l'INFN, sezione di Napoli, nel giardino della Scuola Nazionale dell'Amministrazione.

Nove i gruppi di ricerca tra ricercatori e studenti che hanno presentato le proprie attività a studenti, ma anche famiglie, passanti, bambini desiderosi di conoscere i misteri della ricerca scientifica in fisica. Tra i visitatori anche David Wizel, membro dell'Agenzia Esecutiva per la Ricerca (REA) della Commissione Europea, che ha espresso grande apprezzamento per il lavoro svolto.
Dall'astrofisica nucleare alla ricerca aerospaziale e all'osservazione astronomica, dallo studio della composizione dell'atmosfera alla conoscenza dei segreti della materia, dalle applicazioni per l'ambiente e i beni culturali alla diagnostica per immagini, tante le attività diffuse e spiegate ai partecipanti dell’iniziativa in maniera semplice ed immediata.

Guarda la gallery

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Conoscere la fisica attraverso applicazioni pratiche. "Spettri a corte" è l'iniziativa del Dipartimento di Matematica e Fisica dell'Università Vanvitelli per la Notte Europea dei Ricercatori, una due giorni per avvicinare la cittadinanza alla fisica attraverso le diverse applicazioni della spettroscopia. L’evento si svolgerà nelle giornate di venerdì 29 (18:00 - 23:00) e sabato 30 (9:00 - 14:00) settembre 2017 presso il Centro Studi SNA , Emiciclo Est del Palazzo Reale di Caserta. Le Notti Europee dei Ricercatori sono eventi dedicati alla scienza e all'apprendimento giocoso, un'occasione unica di incontrare i ricercatori, parlare con loro e scoprire cosa fanno concretamente per la società in modo interattivo e coinvolgente.

Le visite guidate organizzate dal Dipartimento seguono tre percorsi didattici della durata di 90 minuti ognuno.
1)    SPETTRI DAL MONDO FISICO
Alla scoperta dei segreti della materia
-    L’atmosfera in laboratorio: l’interazione tra radiazione/materia per lo studio di processi atmosferici a cura del laboratorio di Spettroscopia laser del Dipartimento di Matematica e Fisica dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”
-    Le radiazioni ionizzanti: applicazioni e rivelazione a cura del laboratorio di Radioattività Ambientale dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”
-    Masse atomiche che fanno la differenza: la spettrometria di massa applicata in capo archeometrico, ambientale e forense a cura del laboratorio di Spettrometria di Massa dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”

2)    SPETTRI DALLO SPAZIO
Alla scoperta dello spazio vicino e lontano
-    L’Unione Maddalonese Amici del Cielo (UMAC) ci guiderà nell’osservazione della volta celeste e dei fenomeni che in essa si susseguono
-    La ricerca applicata in campo aerospaziale a cura del Centro Italiano Ricerche Aerospaziali (CIRA)
-    L’origine delle stelle ed esperimenti stellari: studio della nucleosintesi usando acceleratori di particelle, con i ricercatori in astrofisica dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e del Dipartimento di Matematica e Fisica dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”.

3)    SPETTRI E SOCIETÀ
L’innovazione al servizio della società
-    La ricerca nel campo della diagnostica per immagini e di laboratorio (SDN).
-    Tecnologie avanzate e know-how altamente specializzato applicati alla fase di decommissioning degli impianti nucleari (SOGIN).
-    La fisica nucleare come strumento di indagine ambientale ed archeologica (CIRCE/INNOVA)

Fai un salto nei nostri laboratori e partecipa alle attività e ai giochi organizzati dai docenti insieme con gli studenti del corso di laurea in Fisica!

I visitatori saranno organizzati in gruppi di 15.
La partecipazione all’evento è gratuita previa prenotazione.

Sarà possibile prenotarsi ad uno o a tutti e tre i percorsi della durata di 90 minuti ognuno a partire dal 20 settembre 2017 compilando i seguenti moduli:

Percorso 1 - SPETTRI DAL MONDO FISICO
Percorso 2 - SPETTRI DALLO SPAZIO
Percorso 3 – SPETTRI E SOCIETA’

 

Locandina

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Dalle aule universitarie alla città. L'Università della Campania Luigi Vanvitelli partecipa a Futuro Remoto 2017 e porta in piazza i 29 progetti di ricerca dal 25 al 28 maggio 2017. 

Futuro Remoto, una festa di scienza, tecnologia, innovazione, arte e cultura!

LE ISOLE TEMATICHE
La XXXI edizione di Futuro Remoto è dedicata al “creare connessioni”, al “mettere in comune”, secondo quella visione dello sharing che si vuole proporre come prospettiva per uno sviluppo sostenibile e condiviso.

Dodici i temi scelti per le isole tematiche allestite nel cuore della piazza: AEROSPAZIO, SCIENZE DELLA VITA, ENERGIA, CHIMICA VERDE, PATRIMONIO CULTURALE, AGRIFOOD, FABBRICA INTELLIGENTE, MEZZI E SISTEMI PER LA MOBILITÀ, SMART COMMUNITIES, AMBIENTI DI VITA, UN MARE DI RISORSE.

LE ATTIVITÀ DI FUTURO REMOTO
Tutte le attività del Villaggio della Scienza sono hands-on, basate sull’interattività e sulla possibilità peri visitatori ditoccare “con mano” i fenomeni scientifici e di scoprire le frontiere della ricerca scientifica, filosofia alla basedel successo di Città della Scienza e dei science centre di tutto il mondo.
>GRANDI CONFERENZE
>LABORATORI SCIENTIFICI
>NUOVE IDEE E COMPETIZIONI
>INCONTRI, CAFÉ SCIENTIFIQUE E LEZIONI IN PIAZZA
>FAB/LABORATORI DI ARTI E MESTIERI, CREATIVITÀ E MAKING
>SCIENCE SHOW E SPETTACOLI

Futuro Remoto edizione 2016, guarda i progetti, lezioni speciali, laboratori e le tante idee innovative dell'Università Vanvitelli!


Pagina 1 di 3

CHI SIAMO  |   PRIVACY  |  UNICAMPANIA.IT