Si chiama Emoglobina Vanvitelli ed è la nuova variante emoglobinica scoperta in una bambina affetta da anemia emolitica cronica fin dalla nascita. Il gruppo di ricerca del Centro di ematologia e oncologia pediatrica dell’Ateneo Vanvitelli, diretto da Silverio Perrotta, ha individuato e caratterizzato una nuova variante emoglobinica, finora mai descritta, che ha preso il nome dall’Università Vanvitelli nella quale è stata scoperta.

“Diagnosticare una nuova variante dell’emoglobina può essere molto complesso - spiega Silverio Perrotta, direttore del centro di ematologia e oncologia pediatrica dell’Università Vanvitelli - 

 soprattutto se la proteina è altamente instabile, cioè si degrada in tempi molto brevi e non può essere evidenziata ai comuni esami diagnostici, come l’Emoglobina Vanvitelli. Per tale ragione la bambina è rimasta senza diagnosi certa per anni, prima di arrivare al nostro centro. 

Grazie alla scoperta, infatti, per la piccola paziente ora saranno possibili terapie mirate, di sicuro più efficaci e volte a combattere un nemico almeno conosciuto.

L’emoglobina, proteina implicata nel trasporto di ossigeno ai tessuti, è necessaria per la nostra sopravvivenza. Alterazioni della sintesi di questa proteina possono determinare quadri clinici complessi, come alcune anemie congenite gravi proprio come nel caso della bambina. Il lavoro, pubblicato su Clin Biochem, ha visto protagonisti Maddalena Casale, ricercatrice presso il Dipartimento della Donna, del Bambino e di Chirurgia Generale e Specialistica e primo nome del lavoro che appena pubblicato, e Saverio Scianguetta, biologo presso il laboratorio di biologia molecolare della Vanvitelli, che si sono occupati direttamente di questo studio e che hanno proseguito nelle ricerche nonostante le difficoltà esecutive.

“Essendo condizioni rare – spiega ancora Perrotta - le varianti emoglobiniche spesso non sono considerate nella diagnostica differenziale delle anemie emolitiche congenite, soprattutto se sono presenti altri segni clinici confondenti, come la bassa saturazione di ossigeno, che più spesso implica una patologia respiratoria o cardiaca sottostante. Nei pazienti con varianti emoglobiniche, la bassa saturazione d’ossigeno può esser dovuta semplicemente alla presenza dell’emoglobina anomala e non richiede ulteriori approfondimenti. Tuttavia i pazienti vengono sottoposti ad esami diagnostici e strumentali molto invasivi e costosi nel tentativo di approdare alla diagnosi definitiva che spesso viene ritardata o mai raggiunta”.

Gli esperimenti di proteomica, che hanno consentito l’isolamento e la caratterizzazione della nuova emoglobina, sono stati eseguiti dai ricercatori del Ceinge Flora Cozzolino e Vittoria Monaco, sotto la guida di Piero Pucci, coordinatore del laboratorio di proteomica e ordinario di Chimica Biologica dell’Università degli Studi di Napoli Federico II,

«Le emoglobine varianti sono emoglobine strutturalmente anormali originate da cambiamenti genetici in specifici geni che causano alterazioni nella sequenza amminoacidica – spiega Piero Pucci -. Le malattie che colpiscono la sintesi e la funzione dell'emoglobina sono estremamente comuni in tutto il mondo; fino ad oggi sono state scoperte più di 1000 varianti dell'emoglobina umana, principalmente attraverso le loro manifestazioni cliniche. Questo caso ha evidenziato le insidie analitiche e di conseguenza le difficoltà diagnostiche delle varianti emoglobiniche instabili che possono generare sintomatologie confuse e gravi condizioni cliniche».

Il centro di ematologia pediatrica dell’Università Vanvitelli vanta una pluridecennale esperienza nella diagnosi e cura dei pazienti affetti da emoglobinopatie ed è centro di riferimento per la diagnosi e cura delle malattie ematologiche rare nell’ambito della rete istituita a livello europeo (ERN-EuroBloodNet). L’identificazione di una nuova variante emoglobinica che porta il nome dell’Università Vanvitelli dimostra lo sforzo compiuto dai ricercatori di questa istituzione per migliorare le conoscenze scientifiche in questo settore.

Un interruttore per “spegnere il dolore”. Un recentissimo studio getta le basi per lo sviluppo di nuove terapie antidolorifiche - che non siano a base di narcotici - per combattere il dolore cronico di cui soffrono milioni di persone a causa di infortuni e malattie, tra cui lesioni del midollo spinale, diabete, sclerosi multipla e cancro.
I farmacologi, Livio Luongo e Serena Boccella afferenti al gruppo di Ricerca di Sabatino Maione, ordinario di Farmacologia della Università Vanvitelli, in collaborazione con i ricercatori della università di St. Louis (USA) coordinati dalla Prof.ssa Daniela Salvemini, hanno identificato un nuovo protagonista nella fisiopatologia del dolore neuropatico.

Nello studio, pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica PNAS e condotto negli Stati Uniti e presso la Vanvitelli, gli autori hanno dimostrato, sugli animali in questa prima fase, che un particolare recettore cellulare, presente nel nostro organismo, potrebbe essere il colpevole della comparsa del dolore che limita drammaticamente la qualità della vita dei pazienti neuropatici.
"Il dolore neuropatico può essere grave e non sempre risponde al trattamento - dice la coordinatrice Daniela Salvemini dell'Università di Saint Louis - Antidolorifici oppioidi sono ampiamente utilizzati, ma possono causare importanti effetti collaterali e portare i rischi di dipendenza e abuso. C'è un urgente bisogno di opzioni migliori per i pazienti affetti da dolore cronico. "

Ecco perché questo studio mira a trovare altri sistemi per combattere il dolore neuropatico che siano alternativi all’uso dei narcotici.
In termini scientifici, i ricercatori hanno capito che in risposta a una lesione del nervo, il corpo genera una molecola chiamata sfingosina-1-fosfato (S1P) nel corno dorsale del midollo spinale.

“Questa molecola a sua volta – spiega Livio Luongo dell’Università Vanvitelli - può attivare il sottotipo recettoriale 1 (S1PR1) sulla superficie delle cellule di supporto specializzate del sistema nervoso chiamate astrociti. Questo innesca una cascata di eventi che portano a processi neuroinfiammatori e rendono i neuroni coinvolti con la trasmissione del dolore molto “attivi”. Questo sintomo associato al dolore neuropatico rende il paziente incapace di svolgere le comuni mansioni quotidiane. La riduzione di questo sintomo subdolo rende il paziente affetto da dolore neuropatico meno ansioso e meno depresso e più capace di affrontare la propria patologia”.

 Sebbene lo studio è stato eseguito su animali da laboratorio, molecole che agiscono inibendo la stimolazione della proteina recettoriale S1PR1, sono già disponibili in commercio e sono ad oggi impiegate nel trattamento della sclerosi multipla. Di conseguenza, tale scoperta risulta di fondamentale importanza per il possibile futuro impiego di queste sostanze nel dolore cronico di tipo neuropatico.
Questi risultati, dunque, gettano le basi per sviluppare una nuova classe di farmaci che offra benefici antidolorifici senza i rischi e gli effetti collaterali degli oppioidi.
“I risultati di questa ricerca, insomma – conclude Luongo - individuano in questo recettore un buon bersaglio, e dunque scenari possibili per lo sviluppo di nuove terapie, creando una nuova classe di antidolorifici non narcotici."

 

 

Terapie efficaci e nuove opportunità di diagnosi precoce per la sclerosi Sistemica. Due lavori scientifici firmati da Gabriele Valentini, docente dell’Ateneo Vanvitelli, sono stati appena pubblicati su due prestigiose riviste scientifiche e aprono importanti scenari per la cura e la prevenzione di questa malattia. La Sclerosi Sistemica è una malattia autoimmune sistemica reumatica (connettivite) caratterizzata da manifestazioni vascolari e da fibrosi della cute e degli organi interni, associata ad aumento della mortalità dovuta, nel 20 per cento dei casi, a complicanze cardiache.

Dal primo studio, pubblicato sugli Annals of Rheumatic Disease e finanziato dalla Comunità Europea, i ricercatori hanno scoperto che l’uso di farmaci vasodilatatori e dell’aspirina a basse dosi determina una riduzione dell’incidenza di aritmie ventricolari e una riduzione dell’incidenza di blocchi cardiaci e di necessità di impianto di pacemaker. In parole povere, si prospetta l’uso di questi farmaci semplici, privi di sostanziali effetti collaterali, in tutti i pazienti affetti da Sclerosi Sistemica, per ridurre l’incidenza delle suddette manifestazioni cardiache e, conseguentemente, la mortalità associata a questa patologia.

“Siamo partiti dal presupposto che nei pazienti affetti da cardiopatia sclerodermica – spiega Valentini – il miocardio presenta alterazioni delle piccole arterie coronariche, che si ritiene svolgano un ruolo nello sviluppo di una fibrosi a chiazze a carico di entrambi i ventricoli: entrambi questi processi causano blocchi cardiaci, aritmie ventricolari, alterazioni del riempimento diastolico , riduzione della frazione di eiezione ventricolare e scompenso cardiaco congestizio. Da qui abbiamo programmato lo studio che ha dimostrato un effetto favorevole di farmaci vasodilatatori sulla vascolarizzazione e sulla funzione cardiaca”.
Si tratta di uno studio osservazionale su 611 pazienti, i cui risultati sono in attesa di conferma mediante un trial randomizzato controllato.

La seconda ricerca, pubblicata su AutoimmunityReviews, riguarda invece la diagnosi precoce di questa malattia. Partendo dal dato che il fenomeno di Raynaud, molto diffuso nella popolazione generale (5% circa delle giovani donne nei paesi in cui sono disponibili indagini epidemiologiche) è una manifestazione di molte malattie autoimmuni sistemiche reumatiche e costituisce la manifestazione di esordio della Sclerosi Sistemica, sono stati identificati i fattori predittivi dello sviluppo di questa stessa patologia.

“A ognuno di questi fattori – spiega ancora Gabriele Valentini – Anticorpi Antinucleari a titolo medio-alto, Anticorpi anti-Scleroderma 70, Anticorpi anti-centromero, aree avascolari alla capillaroscopia è stato assegnato un peso relativo, permettendo così al clinico di predire alla prima visita, l’evoluzione della malattia. La diagnosi precoce effettuata in questo modo consente di introdurre, con l’obiettivo di ritardare o bloccare l’evoluzione, farmaci la cui efficacia è dimostrata nella Sclerosi Sistemica conclamata i.e. immunodepressori, e, a breve, antifibrotici, da associare a quelli già attualmente prescritti nei pazienti con fenomeno di Raynaud”.

Questo secondo studio osservazionale prospettico si è basato su 102 pazienti seguiti per 1-12 anni. Esso costituisce la base per studi di intervento tesi a verificare l'ipotesi che i pazienti identificati con lo score, immessi in terapia immunosoppressiva, non vadano incontro o vadano più tardi incontro allo sviluppo di Sclerosi Sistemica definita.

 


Design for autonomy of Parkinson’s disease
. E’ questa la linea di ricerca in cui si inserisce SynCrono, il dispositivo in fase di progettazione per pazienti affetti da malattia di Parkinson con freezing della marcia (FOG). L'idea nasce nei laboratori dell'Officina Vanvitelli, moderno hub e officina di idee dalla proposta di Geremia Nappo, laureato alla Vanvitelli. 
SynCrono. Il dispositivo SynCrono collabora con le altre soluzioni fisioterapiche alla deambulazione, sollecitando attraverso stimoli e monitorando il movimento del paziente. Dal dispositivo primario si sviluppano una serie di ausili sia per altri sintomi correlati alla malattia, sia per altre patologie di natura neurologica. Benessere nell’era del post digitale, dunque.  La scelta degli stimoli da utilizzare è fonte di studio e di ricerca su quelle che sono le classiche metodiche utilizzate in riabilitazione, con l’aggiunta di ricerche scientifiche sull’argomento – spiega Geremia Nappo, vincitore della borsa di studio di Officina Vanvitelli -.  Quattro le competenze - design, neurologia, ingegneria, economia – per il design, redesign, co-design di prodotti e servizi per l’autonomia". 
Come funziona. Gli stimoli di SynCrono servono a cadenzare il passo e a dargli un ritmo, così che il paziente possa avvertirli e seguirli ripristinando una deambulazione regolare. Nell’ampia gamma di stimoli da scegliere sono stati selezionati uno stimolo tattile ed uno visivo. Lo stimolo tattile è una vibrazione, lo stimolo visivo sono degli è costituito da luminosi che il paziente deve seguire. “La scelta di questi due stimoli non è casuale, entrambi sono risultati quelli più versatili da utilizzare nelle diverse occasioni della routine quotidiana e in ambienti ambulatoriali - spiega l'ideatore del progetto - Basti pensare ai luoghi affollati, troppo rumorosi o magari con scarsa illuminazione in cui il paziente si potrebbe trovare. Sia lo stimolo tattile che quello visivo si integrano alla perfezione nell’ambiente che circonda il paziente, senza interferire con gli stimoli esterni. Chi utilizza l’ausilio non deve far altro che seguire il ritmo degli impulsi e porre la propria attenzione sul movimento.” 
Officina Vanvitelli incentiva le idee. Questo è uno dei dieci progetti di ricerca dei talenti creativi danno ufficialmente inizio alle attività di Officina Vanvitelli, che si apre il 3 giugno alle ore 11, presso il complesso monumentale del Belvedere di San Leucio. 
Si comincia con la presentazione dei progetti di ricerca dei 10 talenti creativi selezionati attraverso una call nei settori del Design, della Moda e della Comunicazione, che gli ha consentito di vincere altrettante borse di studio. I talenti disporranno di uno spazio di co-working attrezzato con computer, laboratori di simulazione e prototipazione, multiconference systems, otre che di banche dati, tutorship di esperti nazionali ed internazionali per configurare un modello di lavoro internazionale.
Durante il percorso di Officina Vanvitelli i borsisti avranno l’opportunità̀ di confrontarsi con il mondo del lavoro sviluppando competenze, capacità organizzative e collaborative, partecipando a progetti in staff che prevedono il contatto diretto con imprese ed enti.
L'inaugurazione delle attività di Officina Vanvitelli è solo il primo di una serie di incontri, mostre, seminari tematici, workshop, sfilate che partiranno da giugno e culmineranno a dicembre con eventi internazionali nei settori della moda e del design. Nello specifico il programma di Officina sarà articolato su Open Lectures, lezioni magistrali aperte al pubblico sui temi dell’innovazione delle aziende design e fashion oriented, Talents, la presentazione di laureati Unicampania d’eccellenza, Manufactures, incontri con aziende, Events, incontri con stilisti, designers e stilisti attraverso mostre e sfilate, e Workshop.

Olandesi, Russi, Greci. Arrivano da tutto il mondo gli studenti  che hanno partecipato all’ESMO-ESO course on medical oncology for medical students, il workshop in oncologia medica organizzato dall'Esmo e l'Università Vanvitelli.
Cinque giorni di approfondimenti sul tema in un ambiente internazionale dinamico e stimolante, che ha permesso agli studenti di vivere un’esperienza altamente formativa con esperti internazionali ed attraverso l’analisi di numerosi casi clinici ed esperienze pratiche.
“Questo corso è stato un utile momento di formazione soprattutto per gli studenti stranieri che nel proprio curriculum di studi, diversamente da quanto accade in Italia, non hanno un insegnamento totalmente dedicato all’oncologia medica, ma è allo stesso tempo un’occasione importante per far conoscere anche all’estero la realtà della nostra Università, molto apprezzata nella precedente edizione – spiega Fortunato Ciardiello, docente di Oncologia medica alla Vanvitelli e Past President dell’European society (ESMO). Fare l’oncologo è una bella professione, è questo il messaggio che vogliamo dare ai nostri medici del futuro, e grazie a questo corso vogliamo farli avvicinare alla professione”.
Miglior studente del corso è Dimo, studente bulgaro, che ha vinto un posto in prima fila al prossimo Congresso ESMO il 27 settembre, completamente spesato dall'ESMO. "Questo corso, è stato davvero interessante - spiega -, e sono felicissimo di partecipare all'ESMO COngress 2019, anzi ringrazio Esmo e l'Università Vanvitelli per questa opportunità".

Ho avuto un’esperienza straordinaria a Napoli durante la Medical Oncology Summer School – ha commentato Claudia Gardnier, studentessa inglese partecipante alla prima edizione del corso - È stata una grande opportunità, non solo per imparare dai principali specialisti del settore provenienti da tutto il mondo, ma anche per incontrare molti colleghi studenti di medicina che condividono le mie stesse passioni. Il corso mi ha dato l'opportunità di esplorare le mie opzioni di carriera, fare rete e permettermi di approfondire la mia conoscenza di vari aspetti dell'oncologia. Ora sono determinata a diventare un oncologo medico”!

Grazie alla partnership con ESMO il corso ed il soggiorno erano gratuiti, ed inoltre gli studenti hanno ricevuto un contributo per le spese di viaggio.

 

Cellule staminali per curare l’artrosi del ginocchio.
Tecnologie ortopediche d’avanguardia all’Università Vanvitelli, relative al trattamento rigenerativo della cartilagine articolare del ginocchio, un intervento molto ben tollerato dai pazienti e con rischi minimi.

Questa metodica, oggetto di uno studio pubblicato sulla celebre rivista International Orthopaedics,  viene regolarmente effettuata presso la nostra Unità Operativa da circa 2 anni con ottimi risultati – spiega il Prof. Alfredo Schiavone Panni –, intervento a basso rischio per il paziente ed una degenza post-operatoria di poche ore”. Fisioterapia, acido ialuronico, antiinfiammatori intra-articolari, fino ad arrivare all’intervento chirurgico in casi più gravi, questi gli interventi fino ad ora utilizzati per la cura di questa probelmatica, che posso essere sostituiti dall’intervento con le cellule staminali.

“Particolare rilievo nazionale ed internazionale negli ultimi anni è stato dato alle cellule staminali, in grado di determinare effetti anti-infiammatori e rigenerativi sulla cartilagine articolare, target principale del processo osteoartrosico – continua il docente. – Questa metodica viene regolarmente effettuata presso la nostra Unità Operativa da circa 2 anni, con ottimi risultati”.

Ad oggi sono 52 i pazienti affetti da artrosi di ginocchio resistente ad altri tipi di trattamento, sottoposti a questa tipologia di intervento, e che hanno mostrato un miglioramento della funzionalità dell’articolazione e del dolore rispetto ai valori registrati in fase pre-operatoria. “Attualmente è in corso un ulteriore studio, condotto insieme alla mia equipe, sulla validità dello stesso tipo di trattamento nell’artrosi precoce di anca, dove i primi risultati risultano incoraggianti”- conclude Panni Schiavone. 
A collaborare con il prof. Schiavone i dottori Braile Adriano, Toro Giuseppe, De Cicco Annalisa e Lepore Federica, che hanno condotto lo studio, di rilievo internazionale, su International Orthopaedics. 

Per effettuare una visita medica prenota presso il nostro ambulatorio di chirurgia rigenerativa della cartilagine con impegnativa medica per visita ortopedica al CUP, telefonicamente al numero 800177780 (chiamata gratuita da telefono fisso) dalle ore 8:30 alle ore 14:30 nei giorni feriali o al numero 0810176956 (chiamata da telefono mobile, al costo di una chiamata urbana, dalle ore 8:30 alle ore 14:30 nei giorni feriali) o in loco.

A seguito di una valutazione clinica e radiografica si deciderà se intervenire o meno con questa metodica.

In vacanza all’aria aperta, luoghi insoliti e un’alimentazione diversa, e aumentano i rischi di allergie. Un vademecum per chi è allergico e per chi vuole essere tranquillo con i figli in vacanza. Una guida per sapere cosa evitare, come prevenire e come intervenire in caso di reazioni allergiche, che siano da insetti, da alimenti o di stagione. Carlo Capristo, ricercatore all’Università Vanvitelli, e esperto di allergie nei bambini, spiega come difendersi.

Allergie da punture di insetti
Per allergia al veleno di insetti si intende una reazione esagerata alla loro puntura. È dovuta a una sensibilizzazione allergica verso alcune componenti del veleno iniettato dall'insetto. Quasi 2 persone su 100 vanno incontro a reazioni allergiche locali quando vengono punte. Fortunatamente, tra i bambini è molto più bassa che negli adulti. Purtroppo ogni anno muoiono in Italia, per reazioni allergiche al veleno degli imenotteri, da 5 a 20 persone (adulti e bambini), in genere a causa di edema della glottide e dello shock anafilattico.
1) Quali sono le punture più pericolose?
In Italia, gli insetti che provocano più frequentemente allergie sono gli imenotteri: le api, le vespe e i calabroni.
Diversi insetti con pungiglione, pungendo la pelle, iniettano sostanze nocive che provocano bruciore, rossore, dolore e prurito. Questa reazione è assolutamente normale se localizzata nella sede della puntura e se è limitata nell'estensione, nella gravità e nella durata. Si parla di allergia al veleno degli imenotteri quando la reazione locale è eccessiva: troppo estesa, grave e duratura.
2) Come accorgersi subito di una reazione allergica?
Le principali reazioni allergiche alla puntura degli imenotteri sono: reazioni in zone di pelle molto distanti dalla zona della puntura; orticaria (eruzione cutanea con prurito) angioedema (gonfiore sottocutaneo, spesso sul volto e sulle labbra); reazioni dell'apparato cardiocircolatorio (grave calo della pressione) edema della glottide (rigonfiamento della laringe all'altezza delle corde vocali, che può impedire anche del tutto il passaggio dell'aria).
L'ostruzione grave e potenzialmente fatale delle vie aeree si manifesta generalmente con: − raucedine; − difficoltà a parlare;− tosse insistente;− soffocamento;− gola serrata; − asma (restringimento improvviso, anomalo e persistente dei bronchi dovuto a spasmo della parete bronchiale e abbondante secrezione dì muco); − shock anafilattico (grave calo di pressione marcato e persistente).
3) Come intervenire?
− rimuovere immediatamente (entro 20 secondi) il pungiglione, se è visibile, con un movimento secco e rapido (usando le unghie o le pinzette). Trascorsi i primi 20 secondi l'operazione risulterà meno utile perché tutto il veleno sarà stato ormai liberato;
− applicare nella zona colpita qualcosa di freddo (ghiaccio, impacchi freddi);
− identificare, se possibile, l'insetto responsabile;
− rivolgersi al medico oppure al pronto soccorso;
− pianificare una visita specialistica dall'allergologo se la reazione è stata molto importante.
I bambini allergici ad altre sostanze (ai pollini, acari, gatto, latte, uovo...) non hanno un rischio maggiore dei bambini non allergici di sviluppare, se punti, un'allergia al veleno degli imenotteri.
In caso di una reazione locale a una singola puntura - ape, vespa o calabrone - oltre al ghiaccio e a eventuale analgesico, si può somministrare un antistaminico per bocca e l'applicazione locale di una pomata cortisonica. Il medico, se necessario, prescriverà una terapia antinfiammatoria a base di cortisone per bocca per 3-7 giorni.
In caso di reazione allergica grave – anafilattica - è essenziale somministrare il prima possibile e in maniera corretta una dose di adrenalina per via intramuscolare nella coscia (meglio della via sottocutanea perché agisce più rapidamente) da ripetere anche dopo 10 minuti circa, se necessario.
L'allergologo consiglierà il tipo di adrenalina a pronto impiego che va somministrata al bambino, specie in condizioni di maggiore rischio, e istruirà i genitori o il bambino su come utilizzarla correttamente. Esistono preparazioni di adrenalina "pronto-impiego" a forma di penna che, premute sulla cute in vicinanza della puntura, inoculano automaticamente l'adrenalina e sono particolarmente utili per interventi rapidi ed efficaci.
Vanno periodicamente rinnovate alla scadenza e portate sempre con sé. Successivamente sarà opportuno somministrare anche antistaminici e cortisone per via endovenosa o intramuscolare.
4) E’ possibile prevenire reazioni allergiche da insetti?
L'immunoterapia desensibilizzante consiste nella inoculazione sottocutanea di dosi crescenti del veleno cui il bambino è sensibilizzato, partendo da dosi estremamente basse. Ovviamente si tratta di una procedura non priva di rischi che va condotta in un centro allergologico altamente specializzato, in grado di condurre la vaccinazione in completa sicurezza. Il vaccino va proseguito per 3-5 anni e l'effetto si mantiene solitamente per molti anni dopo la sospensione della cura. In condizioni particolari può essere effettuato rapidamente in pochi giorni, ma questo metodo va esclusivamente utilizzato in ospedale, con il bambino ricoverato.

Nel bambino l'immunoterapia contro il veleno di un imenottero va iniziata in caso di reazioni anafilattiche gravi, ad alto rischio (figlio di agricoltori, apicoltori, bambini che abitano in campagna, etc). Nell'adolescente va iniziata anche in caso di reazioni allergiche di medio-alta intensità anche se non è a rischio la sopravvivenza del paziente.

 

Allergie alimentari
Per allergia alimentare si intende una risposta anomala del sistema immunitario, scatenata dal contatto con un cibo che comunemente viene assunto senza problemi dalla maggioranza degli individui.
1) Quali sono gli alimenti più allergizzanti?
Potenzialmente qualunque alimento è in grado di indurre allergia, infatti sono stati riportati più di 170 alimenti come causa di reazioni allergiche ma solo una minoranza di questi è responsabile della maggior parte delle reazioni.
Se il bambino nasce con una forte predisposizione familiare allergica, le proteine contenute negli alimenti più frequentemente assunti dalla mamma che allatta o dal bambino con le pappe (come per es. il latte di mucca, le uova, il pesce, il pomodoro, il grano, etc.) possono sensibilizzare il bambino e provocare reazioni allergiche. Le proteine del latte vaccino sono le prime da tenere sotto controllo in quanto le formule artificiali che sostituiscono il latte materno sono a base di latte di mucca. In seguito, numerosi altri alimenti possono causare allergia; i più frequenti sono:
- l'uovo;- il grano;- la soia;- con la crescita anche il pesce (merluzzo, trota, sogliola);
- alcuni tipi di frutta a guscio e legumi (noce brasiliana, mandorle, nocciole, arachidi).
L'80% dei bambini non sviluppa allergia a più di due alimenti contemporaneamente.
2) Come accorgersi subito di una reazione allergica?
Nella maggior parte dei casi le reazioni sono immediate e sono quelle più temibili in quanto compaiono da pochi minuti a due ore circa dal pasto che contiene le proteine allergizzanti.
Le manifestazioni di allergia alimentare possono essere a carico dell'apparato digerente:
- vomito, - dolori addominali, - scariche diarroiche,
che compaiono dopo l'assunzione di un alimento (come latte di mucca o uovo) e fanno sorgere il sospetto di allergia alimentare.
L'orticaria (e l'angioedema), a differenza di quanto comunemente si pensa, è causata da allergia ai cibi in meno del 5% dei casi. Talvolta, ma si tratta di eventualità ben poco frequenti, la rinite e l'asma bronchiale possono essere causate da allergia alimentare.
Il sintomo più temibile è lo shock anafilattico, reazione generalizzata causata dal contatto con l'alimento a cui il bambino è allergico. Fortunatamente il pallore e la riduzione della pressione sono preceduti da manifestazioni cutanee come orticaria/angioedema, rinite, asma bronchiale, spasmo laringeo. Se non si interviene prontamente con un adeguato trattamento salvavita, il collasso cardio-circolatorio può aggravarsi e talvolta condurre al decesso.
3) Come intervenire?
Quando la diagnosi è certa, la terapia dell'allergia alimentare consiste semplicemente nell'esclusione, dalla dieta, dell'alimento che causa l'allergia. Se la dieta terapeutica deve essere protratta per un lungo periodo è opportuno integrarla con i nutrimenti che vengono a mancare come calcio, ferro o altri a giudizio del medico curante

Allergie estive
A volte si tende a credere che le allergie ai pollini si manifestino soprattutto in primavera. In realtà, il processo di impollinazione delle piante, che porta alla diffusione nell’aria dei pollini allergenici, avviene anche in estate e continua fino all’autunno.
I sintomi principali delle reazioni allergiche al polline, sono di tipo respiratorio, come naso chiuso o che cola e starnuti frequenti, oppure gonfiore, lacrimazione o bruciore agli occhi, tosse, prurito alla gola e al palato. In alcuni casi, si possono anche avere grosse difficoltà a respirare e deglutire.
1) Cosa portare in viaggio nel caso di attacchi allergici?
Chi ha già manifestato reazioni avverse dopo l’assunzione di alimenti cui si è allergici o a seguito della puntura di un insetto, ha ovviamente ricevuto i consigli più opportuni per l’assunzione dei medicinali: conviene portare con sé i farmaci di cui si potrebbe aver bisogno (antistaminici, cortisonici, antiasmatici, adrenalina ecc.), prescritti dal medico curante, e che si è imparato ad assumere. Ogni indicazione terapeutica deve essere personalizzata tenendo conto dei possibili rischi. Anche perché la guardia medica turistica non conoscendo la storia clinica dell’assistito potrebbe avere alcune difficoltà nella prescrizione delle terapie più opportune.

 

Sulle prestigiose riviste Blood e Nature Medicine i risultati di due studi dell’Università Vanvitelli sulla talassemia: da farmaci innovativi e terapia genica le speranze per il futuro

Trasfusioni ridotte fino al 50% grazie a un farmaco innovativo che intrappola le sostanze responsabili della morte prematura dei globuli rossi nel midollo osseo: basta un’iniezione sottocute ogni 3 settimane per diminuire di oltre il 20% la necessità di trasfusioni in 8 pazienti su 10 e per dimezzarle nel 10% dei casi. L’Università Vanvitelli protagonista anche per la terapia genica, utilizzata per la prima volta su bambini: 3 piccoli trattati su 4, tutti con talassemia grave, sono ora indipendenti dalle trasfusioni. Buoni risultati anche negli adulti e negli adolescenti sottoposti alla terapia genica, tutti hanno potuto ridurre il numero di trasfusioni.

Liberi dalle trasfusioni grazie a innovativi farmaci-trappola per salvare i globuli rossi da sostanze dannose o alla terapia genica, che trasferisce il gene sano per risolvere la malattia: arrivano dall’Università Vanvitelli due buone notizie per i 7000 italiani malati di talassemia, soprattutto per i 4000 che sono dipendenti dalle trasfusioni di sangue. Per tutti loro una speranza arriva dalle due ricerche pubblicate di recente dal Centro di cura delle Talassemie ed Emoglobinopatie dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Vanvitelli, con altri centri italiani ed esteri, sulle due prestigiose riviste internazionali Blood e Nature Medicine.

“La talassemia o anemia mediterranea – spiega Silverio Perrotta, direttore del Centro - è causata da un’alterazione genetica che porta a una sintesi difettosa di emoglobina; nella forma più grave i pazienti sopravvivono solo grazie ad un regime trasfusionale cronico. In media un bambino con talassemia riceve una trasfusione di sangue ogni mese ma, crescendo, l’intervallo tra una trasfusione e l’altra tende ad essere sempre più breve, con le inevitabili ripercussioni sia in termini di sovraccarico di ferro legato alle trasfusioni, sia in termini di qualità di vita”. Le talassemie sono patologie molto frequenti in Italia e in particolare in alcune aree come la Sardegna, il delta padano e la Campania: qui i pazienti con anemia mediterranea sono circa 300, di cui 50 gravi al punto da non poter fare a meno delle trasfusioni. I flussi migratori degli ultimi anni stanno cambiando l’assetto e la presenza delle diverse forme di emoglobinopatie nel nostro paese.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito le alterazioni congenite dell’emoglobina come un problema di salute globale verso le quali è necessario focalizzare rinnovate risorse per il miglioramento della gestione e la ricerca di una cura definitiva.

In questo senso vanno perciò le due ricerche dell’Università Vanvitelli: il primo studio, condotto dal 2013 assieme ad altri centri italiani e stranieri e pubblicato su Blood, è una sperimentazione clinica di fase 2 per lo sviluppo di una terapia in grado di ridurre la gravità della talassemia attraverso l’utilizzo del Luspatercept, una proteina ricombinante che funge da “trappola” per alcune delle sostanze che contribuiscono alla morte prematura dei globuli rossi nel midollo osseo. Presso il Centro dell’Ateneo è stato arruolato il più alto numero di pazienti, 13 su 64 totali. “La somministrazione del Luspatercept per via sottocutanea ogni 3 settimane ha aumentato i valori di emoglobina e ridotto la necessità di trasfusioni, con un miglioramento evidente della qualità di vita dei pazienti – osserva Perrotta – La terapia è necessaria in cronico a cadenza regolare per i pazienti dipendenti dalle trasfusioni, può essere saltata qualche iniezione invece nei casi più lievi, che non dipendono dalle trasfusioni. I dati mostrano che nell’81% dei pazienti il numero di trasfusioni si è ridotto di oltre il 20%; in due sperimentazioni cliniche di fase 3 tuttora in corso a cui partecipa il nostro Centro, che a oggi hanno arruolato complessivamente quasi 500 pazienti, i dati preliminari sono ancora più promettenti e mostrano come il 70% dei pazienti dipendenti da trasfusioni ha ridotto di un terzo la necessità di sangue da donatori, il 10% ha addirittura dimezzato le trasfusioni”.

La seconda ricerca a cui ha partecipato il Centro della Vanvitelli, finanziata da Telethon, mira a rendere i pazienti talassemici del tutto indipendenti dalle trasfusioni grazie alla terapia genica; i risultati sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista Nature Medicine. “Il trattamento prevede il trasferimento del gene sano all’interno delle cellule del paziente, in modo da compensare il difetto genetico e tentare la guarigione completa – prosegue Perrotta -. Si tratta in sostanza di una sorta di auto-trapianto, in cui le cellule del paziente vengono prelevate, modificate in laboratorio e reinfuse nel paziente stesso una volta corrette”. La ricerca si è svolta presso l’Istituto San Raffaele di Milano, coordinata dai docenti Aiuti e Ferrari del gruppo TIGET (Istituto San-Raffaele-Telethon di Terapia Genica), e ha coinvolto 9 soggetti di diversa età - 3 adulti sopra i trent’anni, 3 adolescenti e 3 bambini sotto i sei anni di età - tutti con forme di beta talassemia gravi al punto da renderli trasfusione-dipendenti. “La terapia genica – spiega Perrotta - si è dimostrata sicura ed efficace. Gli adulti trattati, a quasi 3 anni distanza, hanno riportato una riduzione significativa del numero di trasfusioni necessarie alla gestione della malattia ma in 3 dei soggetti più giovani si è raggiunta la totale indipendenza dalle trasfusioni di sangue. Solo uno dei bambini trattati non ha riportato effetti positivi sul decorso della malattia e i ricercatori stanno ora cercando di capirne il motivo. E’ la prima volta che la terapia genica è stata utilizzata in pazienti pediatrici talassemici e i risultati di questo studio sembrerebbero dimostrare una maggiore efficacia nei bambini rispetto agli adulti, forse perché i bambini sono più protetti dal potenziale danno d’organo che si sviluppa col passare degli anni di malattia”, conclude Perrotta.

 

L’ aumento delle temperature, l’esposizione al sole e ad altri inevitabili fattori ambientali possono rappresentare dei veri i propri elementi “stressanti” per la nostra cute soprattutto se non trattata nella maniera più adeguata. Cosa fare dunque? Esistono delle regole da seguire per permettere anche alla nostra pelle di trascorrere un’estate rilassante?
Ne abbiamo parlato con Elisabetta Fulgione specialista in Dermatologia e Venereologia presso l’U.O Clinica Dermatologica dell’Università degli Studi “Luigi Vanvitelli” e Consigliere Nazionale SIME (Società Italiana di Medicina Estetica).
“Le alte temperature rappresentano la prima fonte di stress che la nostra pelle deve affrontare nel periodo estivo: il caldo determina un cambiamento nella naturale traspirazione cutanea con un aumento della sudorazione ed in generale una maggiore perdita di acqua dovuta ad una diversa gestione dei meccanismi di termoregolazione. In estate, inoltre, la pelle produce più radicali liberi, perché più fotoesposta rispetto all’inverno ed è, inoltre, sottoposta anche ad un maggior contatto con fattori irritanti ambientali”.
Per questo motivo, nel periodo estivo, bisognerebbe ricordare alcune piccole regole per mantenere in buono stato la nostra pelle e ritrovarci a settembre con una cute pronta ad affrontare una nuova stagione invernale. La prima di queste regole riguarda utilizzo quotidiano della protezione solare.
“In estate - spiega la dott.ssa Fulgione - non dovrebbe mai mancare nella skincare una protezione solare da utilizzare quotidianamente e riapplicare ogni 2-3 ore nel caso di lunghe esposizioni al sole. Solo in questo modo possiamo cercare di ridurre i danni che i raggi UV possono provocare alla nostra pelle accellerando il photoging (invecchiamento) cutaneo ed aumentando la possibilità di comparsa dei tumori”.
La seconda regola riguarda la corretta detersione
Adrebbero evitate docce e bagni prolungati che possano alterare la fisiologica idratazione della pelle - spiega la dermatologa - attraverso lo squilibrio di due meccanismi quello di traspirazione e la normale perdita di acqua cutanea. Queste alterazioni si traducono nell’immediato con un indebolimento del film idrolipidico e successivamente, a cause delle lunghe giornate d’esposizione al sole, con la comparsa di secchezza o xerosi cutanea. Docce brevi, dunque, inferiori a 5 minuti prediligendo una temperatura non superiore a 38 gradi "Soprattutto in caso di lavaggi frequenti - continua la specialista - e utilizzando  detergenti in grado di rimuovere adeguatamente lo sporco esogeno (cioè quello derivato dall’ambiente che ci circonda) e endogeno (cioè detriti cellulari e secrezioni ghiandole sebacee) senza alterare la barriera cutanea. E’ consigliabile scegliere sostanze lipofile che rimuovano lo sporco ( matrice grassa) per affinità: come oli, creme o latte in grado detergere delicatamente senza delipidizzare troppo la cute.”
Se la detersione corretta rappresenta un momento fondamentale per mantenere in buono stato la nostra pelle l’applicazione di un crema idratante è la terza regola fondamentale della corretta beauty routine quotidiana. “Tra i dermocosmetici i più utili per ripristinare le caratteristiche di normalità della cute del corpo stressata dal sole - ricorda la dott.ssa Fulgione - sono quelli contenenti molecole capaci di attirare acqua come, ad esempio, acido ialuronico, urea, allantoina, acido lattico e con azione elasticizzante e nutriente quali la vitamina E e gli oli vegetali. Le formulazioni più adatte al corpo sono le creme e le mousse idratanti mentre per il viso vanno preferite le texture gelificate o fluide più leggere e facilmente applicabili che riescono a dare un’idratazione e una compensazione alla pelle senza appesantire. Gli attivi quali vitamine C ed E, acido ferulico e acido jaluronico sono i più adatti al periodo estivo per la loro azione antiossidante”.
L’ultima regola riguarda la salute dei capelli. “Così come la cute anche i capelli vanno protetti dalle insidie degli agenti atmosferici: il cuoio capelluto, infatti, non dovrebbe esser sottoposto senza protezione al sole soprattutto per evitare la caduta dei capelli stagionale che si verifica classicamente nel periodo autunnale (dopo 2-3 mesi dal danno estivo). Per proteggerlo dal sole e dalla salsedine i migliori alleati sono cappello e protezioni solari studiate per i capelli e realizzate in formulazione di gel, spray o oli che creando sul capello un film protettivo bloccano i raggi UV e l’azione disidratazione della salsedine e del cloro. L’ acconciatura giusta, inoltre, può aiutare a difendere i capelli dal vento e dagli altri agenti atmosferici quali sabbia, salsedine e cloro che possono farli spezzare o rovinarli più facilmente. Via libera, dunque, a capelli morbidamente raccolti in trecce, coda o chignon evitando, tuttavia, eccessiva trazione che può spezzarli e indebolirli nella regione frontale”.

 

Cannabis sì, cannabis no. Nuovi studi sull’epilessia per i pazienti resistenti ai farmaci si interrogano sull’utilizzo del cannabidiolo nella cura della malattia.
Questi ed altri aspetti saranno affrontati in un convegno sull’epilessia per approfondire il tema. L'appuntamento è per venerdì 12 aprile alle ore 8.30 presso il Renaissance Naples Hotel Mediterraneo. Una giornata di formazione per discutere di una tra le patologie neurologiche più frequenti, che interessa 1 persona su 100, con 6 milioni di pazienti epilettici in fase attiva in Europa (cioè con crisi persistenti e/o tuttora in trattamento) e circa 500.000 pazienti in Italia.
Due le sindromi più difficili da curare, quella di Lennox-Gastaut e quella di Dravet, che hanno un rapporto di mortalità precoce più alto di altri tipi di epilessia e non rispondono a molte delle medicine disponibili. E proprio a proposito di queste forme epilettiche saranno discussi nuovi approcci terapeutici, prendendo spunto da tre grandi studi clinici presi in considerazione dall’agenzia internazionale del farmaco in cui i ricercatori hanno presentato prove valide sull’efficacia del cannabidiolo (CBD)

La domanda è se i nuovi medicinali disponibili contenenti la nuova sostanza possano in alcuni casi risolvere o ridurre il problema della farmacoresistenza, ovvero il fallimento della terapia, che interessa il 30%-40% dei pazienti con epilessia.
Ma anche altri saranno i temi trattati. In particolare, il rapporto territoriale che si viene a creare tra il neurologo del territorio e il centro per la diagnosi e cura dell’epilessia nella gestione a lungo termine di pazienti complessi, o per quali è richiesto uno studio più mirato ed approfondito.

“Cruciale diventa il ruolo del Neurologo generale che come spesso accade è il primo specialista coinvolto nella gestione anche a posteriori di un primo evento critico a verosimile genesi epilettica – spiega Alfonso Giordano, Neurologo all’Università vanvitelli –. Egli deve necessariamente avviare un corretto iter diagnostico differenziale tra l’epilessia ed altri “imitators” clinici e deve inoltre essere capace di instaurare una corretta terapia antiepilettica tenendo conto delle recenti molecole disponibili dotate di maggiore maneggevolezza e tollerabilità rispetto ai farmaci antiepilettici di prima generazione”.
L’epilessia colpisce tutte le età della vita con picchi maggiori d’incidenza nei bambini e negli anziani e clinicamente si manifesta con la ripetizione di sintomi e segni molto variabili, le cosiddette crisi epilettiche.
Il corretto inquadramento clinico e la gestione della terapia farmacologica a lungo termine risultano fondamentali per migliorare la prognosi del paziente affetto da epilessia e per prevenire le complicanze legate al mancato controllo delle crisi.
“In questo focus group – continua l’esperto – la prima sessione verrà dedicata agli aspetti clinici nell’ambito della diagnosi differenziale con altri eventi critici non epilettici, e alle recenti acquisizioni in tema di diagnosi e terapia delle epilessie generalizzate e focali. Nella seconda sessione prenderemo in considerazione gli aspetti terapeutici con uno sguardo ai recenti avanzamenti in termini di molecole antiepilettiche ivi compresi i cannabinoidi disponibili nell’ottica di ridurre l’annoso problema della farmacoresistenza. Il corso terminerà infine con un’ultima sessione di casi clinici in cui guideremo l’anamnesi e il processo diagnostico e terapeutico.

Locandina

 

"Esattamente nove anni fa il mio braccio sinistro tremava, 9 anni fa la paura per il mio futuro si insinuava nella mia vita. Già mi vedevo sulla sedia a rotelle, lo sguardo inebetito e la bava alla bocca". A raccontare la sua storia è Marina Agrillo, paziente ammalata di Parkinson, seguita dall'equipe del Centro Parkinson della Vanvitelli insieme al Centro Parkinson del Cardarelli, che lunedì 29 luglio parteciperà alla Swim for Parkinson, la traversata a nuoto dello Stretto di Messina da Capo Peloro a Cannitello, sotto la supervisione dei medici dell'Ateneo.  Scopo dell'iniziativa è sensibilizzare l’opinione pubblica nei confronti di questa malattia così diffusa ma ancora poco conosciuta e di lanciare un messaggio positivo a tutti coloro che vivono la malattia di Parkinson in modo invalidante. 

"La malattia di Parkinson è la seconda più comune malattia neurodegenerativa - spiega Alessandro Tessitore docente di Neurologia, coordinatore del Centro Parkinson alla Vanvitelli e membro del Comitato tecnico scientifico della Fondazione Limpe per il Parkinson ONLUS - ed è la forma più frequente di malattia del movimento". Combattere la malattia anche attraverso lo sport, dunque, nel rispetto dell'approccio terapeutico più corretto.  "Terapia farmacologica, supporto psicologico due dei pilastri alla base dell'approccio terapeutico, a cui si aggiunge un terzo pilastro altrettanto fondamentale: l'attività fisica, che riesce a contenere gli stessi sintomi motori della malattia, determinando un notevole miglioramento della qualità di vita."

Marina rappresenterà l'Associazione Parkinson Parthenope, organizzazione di volontariato napoletana di pazienti molto attiva in Campania. Dopo nove anni, grazie alla sua determinazione ed al supporto medico scientifico del team della Vanvitelli e Cardarelli, attraverserà a nuoto lo stretto di Messina insieme ad altri 7 ammalati di Parkinson. "In quei 3600 metri non nuoterò solo per raggiungere la Calabria, ma lo farò soprattutto per convincermi che, se in tutto quello che faccio, oltre alla mente metto anche il cuore, allora anche il mio corpo risponderà con energia. Nove anni fa pensavo che la mia vita fosse finita. Oggi invece posso dire che non mi sono mai sentita più viva di così e spero di farlo capire a tutti gli ammalati di Parkinson come me".
La manifestazione è organizzata e sostenuta dalla Fondazione LIMPE e da Aquilone ONLUS di Messina.

Nutri-RARE: il cibo come medicina, ovvero uno sguardo nel passato remoto per immaginare il futuro prossimo. Giovedì 28 febbraio si celebrerà nel mondo la 12° giornata internazionale dedicata alle malattie rare, organizzata da Eurordis Rare Diseases Europe, un’alleanza no profit che raggruppa più di 800 associazioni di pazienti affetti da malattie rare di 70 paesi. 

A partire dalle ore 10, nel Museo Interattivo Corporea di Città della Scienza si svolgerà l’incontro scientifico e divulgativo “Nutri-RARE: il cibo come medicina, ovvero uno sguardo nel passato remoto per immaginare il futuro prossimo”.
Le voci del mondo accademico, della scienza e della ricerca saranno quelle di Marina Melone e Simone Sampaolo del Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Avanzate & Centro Interuniversitario di Ricerca in Neuroscienze, Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli, e di Giuseppe Sorrentino del Dipartimento di Scienze Bio-Agroalimentari del Consiglio Nazionale delle Ricerche (ISAFOM CNR).
L’Associazione Italiana Adrenoleucodistrofia (AIALD), presieduta da Valentina Fasano, si associa ai ricercatori per affrontare un tema complesso, al centro della riflessione promossa quest’anno da Eurordis: la interazione tra assistenza sanitaria e assistenza sociale, per migliorare la qualità di vita dei pazienti affetti da malattie rare e dei loro familiari e caregivers. Si affiancano all’AIALD, l’Associazione Leucodistrofie Unite e Malattie Rare (AILU), presieduta da Erasmo Di Nucci e l’Associazione Neurofibromatosi (ANFA), nella figura del vicepresidente Michele Palomba.
Tra le azioni possibili e le opportunità terapeutiche nella gestione delle Malattie Rare, fondamentali si sono rivelate le dietoterapie.
“C’è stata un'esplosione di interesse dei consumatori – spiega Marina Melone - per il ruolo di specifici alimenti o componenti alimentari fisiologicamente attivi, nel migliorare lo stato di salute, i cosiddetti alimenti funzionali. Chiaramente, tutti gli alimenti sono funzionali, in quanto sono dotati di gusto, aroma o forniscono valore nutritivo. Nell'ultimo decennio, tuttavia, il termine funzionale così come si applica agli alimenti, ha adottato una connotazione diversa: quella di fornire un beneficio fisiologico aggiuntivo oltre a quello di soddisfare i bisogni nutrizionali di base, e/o di entrare in una dieta con alimenti su misura per i pazienti con malattie rare”.
Ospite dell’evento è il Museo Corporea di Città della Scienza, science centre partenopeo di rilievo internazionale, un luogo che ha come mission fondante la divulgazione della scienza, con uno sguardo particolarmente rivolto ai giovani e giovanissimi. Qui, attraverso laboratori didattici, sarà possibile comprendere perché il principio "Che il cibo sia la tua medicina e la medicina sia il tuo cibo", sposato da Ippocrate quasi 2.500 anni orsono, sta ora ricevendo così tanta attenzione da parte dei ricercatori e delle industrie farmaceutiche.
Infatti, “queste dietoterapie – continuano Marina Melone, Simone Sampaolo e Giuseppe Sorrentino – non sono qualcosa di pronto all'uso come i biscotti senza glutine o lo yogurt a basso contenuto di grassi, ma sono un complesso ‘cibo medico’, risultato di una ricerca avanzata multidisciplinare”.
Ad animare la mattinata di festa a Città della Scienza, si svilupperanno inoltre i laboratori “SHOW YOU RARE Mostra che ci sei a fianco di chi è raro”, con la partecipazione creativa del pittore Sergio Spataro. Così un pubblico “di passaggio”, sarà libero di incantarsi o sarà guidato a partecipare dagli studenti dell’Istituto Professionale di Stato per l'Enogastronomia e l'Ospitalità Alberghiera- G. Rossini di Napoli.
“L’intento – spiega Valentina Fasano, presidente AIALD – è di coinvolgere i giovani e meno giovani visitatori, perché sappiano, attraverso un processo di consapevolezza, riconoscere e ribaltare le resistenze psicologiche e culturali nei confronti di chi è in difficoltà, e sviluppare una reale cultura dell’integrazione così da dare un senso all' impegno collettivo.

CHI SIAMO  |   PRIVACY  |  UNICAMPANIA.IT